Contagio collettivo? Da Adam Smith a Darwin…

Contagio collettivo? Da Adam Smith a Darwin…

squadra2-150x150

Gli esempi che troviamo in letteratura a riprova dell’esistenza del sistema specchio nella natura umana sono molteplici. Mi imbatto spesso in citazioni davvero stupefacenti, che a dispetto dell’epoca nella quale sono state dette risultano addirittura più evolute di molti studi ed insegnamenti di comunicazione interpersonale.

Bastano esse stesse ad insegnarci tantissimo.

Adam Smith, nella seconda metà del 1700 ci regalò questa perla:

“Quando vediamo un colpo che sta per essere assestato, pronto a colpire la gamba o il braccio di un’altra persona, noi istintivamente indietreggiamo e ritraiamo la nostra stessa gamba o il nostro stesso braccio; e quando il colpo arriva, in qualche modo lo sentiamo, ne soffriamo come la vittima”.

E’ una meravigliosa dimostrazione di risonanza empatica, per la quale l’uomo è in grado di comprendere le emozioni degli altri proprio in virtù della capacità di rispecchiamento reciproco. Quando guardi la televisione o sei al cinema, totalmente immerso nelle immagini che scorrono… riesci a provare sensazioni che sembrano catapultarti “dentro” al contesto che stai guardando.